Virgolo , perchè ? Warum?

Capitava una volta che qualche nonno raccontasse di avere trovato rifugio all’interno della galleria del Virgolo durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Altri purtroppo tra il 1944 ed il 1945 ci lavorarono coattamente per produrre cuscinetti a sfera destinati ad uso bellico. Nell’autunno del 1944 l’IMI (industria meccanica italiana) trasferi da Ferrara vari macchinari per tale produzione , in questo luogo di lavoro dantesco trovarono la morte svariati operai e molti deportati ,. In loro onore la galleria fu posta come luogo – simbolo per ricordare il sacrificio di queste persone. Con una mano sul cuore per non dimenticare ci trasferiamo al 20 novembre 1907 , giorno in cui fu inaugurata la funicolare del Virgolo. L’opera fu progettata da Strub (sua anche la funicolare della Mendola) e finanziata dal mecenate Schwarz(già finanziatore della Bolzano- Caldaro) .

Nel 1907 si era in piena Bella Epoque , l’impero asburgico era già in decadenza ma teneva molto a mostrare la propria forza tecnologica in grado di garantire ai propri cittadini (agiati s’intenda) comodità e lussi di gran moda per il tempo. Gli ostacoli naturali erano aggirati con opere di questo tipo che permettevano di sorseggiare thè e ascoltare musica classica sul massiccio del Virgolo , beneficiando dello spettacolare panorama offerto dalla città di Bolzano dall’alto. Il Virgolo fungeva da vera e propria terrazza d’elite , la ricerca della bellezza del paesaggio ottenuta sfidando e vincendo la natura .Questo sogno verrà spezzato bruscamente nel 1912 con l’affondamento del Titanic , in fondo al mare quell’anno fini pure la Belle Epoque e ciò che aveva rappresentato. Il Virgolo dopo la Grande Guerra mantenne la propria funzione e negli anni trenta divenne chic in un rifiorire di divertimenti , cene e feste danzanti. La seconda Guerra Mondiale divorò tutto e questa volta anche la funicolare che pagò il trovarsi vicino alla stazione ferroviaria , le bombe non le diedero scampo. Non fu ricostruita e nel 1957 rimpiazzata da una funivia che fu a sua volta soppressa nel 1976 per cause economiche. La “terrazza naturale” da questo momento fu trascurata . Oggi l’abbandono è totale , nel 2000 fu chiuso il circolo tennis e l’abbandono fu totale. Il Virgolo oggi è desolatamente spento , vuoto e triste. Il castello Weinegg non esiste praticamente più , la chiesetta di San Vigilio con all’interno affreschi interessanti chiusa , l’alberghetto insieme al ristorante in rovina ed una strada al limite della praticabilità rendono questo splendido luogo bolzanino quasi inaccessibile. Immagino con Virgolo dotato di un polo ricreativo , sarebbe interessante riqualificarlo come centro di benessere pubblico , dotarlo di un collegamento degno di nota e pubblicizzarlo a livello nazionale. Suggestivo immaginare una funicolare innevata con sfondo uno splendido panorama bianco e con vista mercatino natalizio. Virgolo, perchè? Warum?

Marco Pugliese