Up Torna a castelli » Catel Firmiano Prev Next Slideshow

Pagina | 1 | 2 |

SL380967
SL380968
SL380969
SL380970
SL380971
SL380972
SL380973
SL380974
SL380975
SL380976
SL380977
SL380978
SL380979
SL380980
SL380981
SL380982
SL380983
SL380984
SL380985
SL380986
SL380987
SL380988
SL380989
SL380990



Castel Firmiano (ted.: Schloss Sigmundskron) è situato nella periferia sudoccidentale di Bolzano sulla destra dell'Adige ed è la sede principale del circuito museale chiamato Messner Mountain Museum voluto e progettato dal famoso scalatore altoatesino Reinhold Messner che lo gestisce. Il museo è stato aperto il 9 giugno 2006.

Il castello è un importante simbolo dell'autonomia sudtirolese: nel 1957 si tenne proprio qui la più grande manifestazione di protesta nella storia dell'Alto Adige, guidata da Silvius Magnago. Più di 30.000 altoatesini si riunirono nel complesso per protestare contro la non osservanza dell'Accordo di Parigi e per chiedere un'autonomia provinciale per il solo Alto Adige (con il famoso motto "Los von Trient", "Via da Trento").


Il castello viene menzionato per la prima volta con il nome "Formicaria" (successivamente "Formigar") nel 945. L'imperatore Corrado II nel 1027 affidò il castello al vescovo di Trento. Nel XII secolo venne invece affidato ai Ministeriali che da questo momento si chiamarono Firmian. Attorno al 1473 il principe del Tirolo, Sigismondo il Danaroso, acquistò il maniero che viene trasformato in una fortezza e lo ribattezzò "Sigmundskron" (Corona di Sigismondo). Dell'antico castello Formigar non è rimasto molto e la maggior parte dei residui si trova nel punto più alto della fortezza. A causa di difficoltà finanziarie Sigismondo dovette presto pignorare il castello. Successivamente il complesso incominciò ad andare sempre più in rovina.

Alla fine del XVIII secolo il castello appartenne ai conti Wolkenstein, dal 1807 al 1870 ai conti di Sarentino, poi fino al 1994 ai conti Troggenburg. Nel 1976 le rovine vennero in parte restaurate da una famiglia albergatrice che vi aprì un ristorante. Nel 1996 il castello divenne proprietà della Provincia autonoma di Bolzano. Nella primavera del 2003, dopo non poche polemiche, Reinhold Messner ottenne la concessione per la realizzazione del suo museo della montagna da tempo prospettato.

Durante i lavori di restauro, nel marzo 2006, venne scoperta una tomba del neolitico, nella quale vennero ritrovati resti dello scheletro di una donna. Al momento si stima che l'età della tomba oscilli tra i 6.000 e i 7.000 anni.



Per Castel Firmiano s'intende anche la zona attorno alla rocca sulla quale è situata il castello ed in lingua tedesca per Sigmundskron viene designato anche il territorio oltre all'Adige sottostante chiamato in italiano Ponte Adige. Il nome italiano di Castel Firmiano venne reintrodotto dopo circa 450 anni da Ettore Tolomei con il suo Prontuario dei nomi locali dell'Alto Adige. Fino all'annessione del Sudtirolo all'Italia i contadini d'origine trentina che abitavano la zona designavano il castello con il nome di Sibizzicróm, considerato dal geografo troppo "barbaro" e quindi sostituito. Oggi tuttavia anche Reinhold Messner ha dato il nome Firmian al suo museo e con lo stesso nome viene chiamato il nuovo quartiere bolzanino non molto distante.



Il Messner Mountain Museum è la sede principale dei cinque musei tematici sparsi nelle Alpi centro-orientali. L'area del museo supera i 1.100 metri quadrati e il tema è l'uomo e la montagna con numerosi vari oggetti provenienti da tutto il mondo che simboleggiano il punto d'incontro dell'uomo con la montagna. Nel castello è stato realizzato anche un'arena capace di ospitare conferenze, mostre e concerti. Dal castello è inoltre possibile godere di un ampio panorama sulla conca bolzanina verso nord. Per evitare problemi di traffico nella zona è stato creato un parcheggio nei pressi dell'uscita autostradale e della superstrada Merano-Bolzano dal quale viene effettuato un servizio shuttle.




Immagini totali: 36 | Ultimo aggiornamento: 13/04/09 12.06  Testo wikipedia